Meta rischia grosso, una nazione intera prepara la denuncia

Meta si trova in guai seri e potrebbe rischiare una denuncia molto grave, tanto da coinvolgere un’intera nazione. I risvolti per l’azienda potrebbero essere devastanti.

Un giudice ha stabilito che la società Meta a cui fa capo Facebook potrebbe essere citata in giudizio a causa di una questione legata al licenziamento di alcune persone che, secondo i fatti, potrebbero essere state tagliate fuori senza giusto motivo.

Meta
Facebook, cosa sta accadendo (androidking)

Il gigante dei social media è oggi sotto accusa da parte di circa duecento persone, nello specifico si tratta di moderatori di contenuti che hanno portato alla luce una situazione piuttosto complessa a livello aziendale. Una questione tanto delicata quanto articolata che potrebbe finire veramente male per l’azienda.

Meta finisce in Tribunale: cosa sta accadendo

Una petizione è stata presentata presso il Tribunale del lavoro e delle relazioni industriali, i lavoratori affermano infatti che Meta li abbia licenziati ingiustamente. I moderatori in questione non avrebbero ricevuto i trenta giorni di preavviso previsti in base alla legge del Kenya e le spese finali non sarebbero state adempiute come vuole la normativa. Questa è la sintesi di quanto riportato ma il documento è ben più lungo e la questione ancora aperta quindi bisogna capire quale sarà la direzione ma Meta rischia di essere condannato da un’intera nazione laddove si andasse avanti.

Meta
Meta finisce in tribunale (androidking)

Al momento è stata emessa un’ingiunzione di tipo provvisorio sia verso Meta che verso Sama e quindi non possono rescindere dai contratti, si tratta comunque di attendere l’evoluzione della questione per capire se c’è stata la cessazione illegale del rapporto di lavoro o meno. I moderatori intanto sono diventati 184 e continuano a crescere, la loro indicazione riguarda alcune rappresaglie nate per costruire un sindacato che avrebbero posto attenzione proprio sul gruppo e quindi spinto Meta al licenziamento.

Questo però non è il primo caso, infatti già in precedenza c’era stato un problema su una questione legata alla sicurezza sul lavoro e anche in quell’occasione Meta e in particolare Facebook, erano finite nell’occhio del mirino per i fatti avvenuti.

La situazione è ancora da delineare, bisognerà capire le responsabilità effettive del colosso e quali sono le implicazioni dal punto di vista legale. La partita è ancora aperta ma potrebbe anche diventare un caso nazionale con il Kenya schierato apertamente contro l’azienda che non tutela, secondo i moderatori licenziati, i dipendenti. Non si conoscono tutti i fatti e quindi al momento gli addetti ai lavori sono proprio intenti a ricostruire e valutare la documentazione in essere per poter esprimere un giudizio concreto e comprendere se ci sono gli estremi per andare avanti.

Impostazioni privacy